HomeIn evidenzaGuidare il talento: l’orientamento scolastico

Guidare il talento: l’orientamento scolastico

Guidare il talento: l’orientamento scolastico

Mia figlia, ragazzina di 13 anni, dall’età di 6 mesi era già molto precoce. A 9 mesi camminava da sola, a 18 mesi recitava filastrocche. Così a scuola: intuitiva, bravissima in tutte le discipline, ma sempre 8 in condotta, perché dicono che ha un atteggiamento strafottente. Ha scelto di iscriversi al liceo scientifico, ma non è stato semplice: va bene in tutte le materie, come posso aiutarla?

Anna Basco – Lecce

Risposta della professoressa Maria Assunta Zanetti

E’ un problema di orientamento, una fase molto delicata della scuola, ma purtroppo non esiste un orientamento all’eccellenza. Nonostante ci siano linee guida specifiche, non c’è ancora la giusta attenzione sulla fase di passaggio, a qualsiasi livello scolastico. Nelle nostre scuole si tende a fare un incrocio tra i risultati e il tipo di scuola, quindi se un ragazzo va bene nelle materie umanistiche è sicuramente da liceo classico, se in quelle scientifiche senza dubbio verrà orientato verso lo scientifico, se non ha buoni voti finisce in un istituto professionale. Non è così: i ragazzi vanno aiutati ad avere una progettualità nella scelta dei loro percorsi scolastici. L’orientamento deve inserirsi in una prospettiva life e design e dare delle risposte per trovare la scuola, il contesto formativo che più rappresenta lo studente, non pensando solo alle career management skills.

Dopo tre anni di scuola secondaria di primo grado, la ragazza dovrebbe aver acquisito non solo conoscenze, ma competenze, anche su sé stesso: la scuola deve promuovere a lavorare in gruppo, promuovere un pensiero flessibile, insegnare a trovare risposte adeguate alla complessità di un problema. Nello specifico, il LabTalento ha messo a punto un percorso che iniziamo nell’ultimo anno delle scuole secondarie di primo grado, si chiama “Educare la scelta.

Primo passo
Gentile signora, dopo un colloquio con i nostri tutor e dei test, potremmo avere un quadro delle aree di plusdotazione della sua ragazza, ma anche quali siano le sue caratteristiche emotive e motivazionali. Quindi aiutarla nelle scelte scolastiche che possano valorizzare i suoi talenti in una situazione di benessere complessivo. Per info: gifted@cittadeibimbi.it .

Claudia Cichetti